01 febbraio 2008

Crema di azuki

Una volta tanto, qualcosa di dolce che non contenga quantità letali di zuccheri e grassi.
La verità è che non sono brava a fare i dolci, non lo ero nemmeno quando li facevo vegetariani, con tutte le uova, il burro, il latte del caso. Non mi sono mai spiegata perché. Adesso sono migliorata, ho imparato a preparare torte e biscotti vegan che sono una vera bomba, ma se appena provo a mettere meno zucchero o meno grassi, diventano mattonelle amarissime.
Quindi, ho pensato di cambiare completamente strada: partendo, cioè, da dolci già in partenza poveri di grassi e zuccheri.

L'idea di preparare la crema di fagioli azuki ce l'avevo da un po', poi mi sono convinta definitivamente leggendo un thread sulla cucina giapponese su SCTS. Sono andata in erboristeria e gli azuki hanno iniziato a sussurrare il mio nome dall'alto dello scaffale... non ho potuto resistere. Dovevo sperimentare con le mie papille gustative questo apparente ossimoro: fagioli dolci.

A dir la verità, assaggiandoli semplicemente dopo averli lessati non è che siano dolcissimi, non più dei cannellini lessi, però, poi...

Ingredienti: 100 g di azuki secchi, 40 g di zucchero di canna, un pizzico di sale.
Mettete a mollo i fagioli per la notte, poi gettate via l'acqua e cuoceteli in acqua pulita (il doppio del volume dei fagioli) per 30 minuti in pentola a pressione. Aggiungete il sale e lo zucchero e tenere a fuoco moderato facendo asciugare un po' il liquido di cottura.
Se preferite, passate i fagioli al passaverdure per ottenere una crema, ma potete anche solo (ehm, non mi viene il corrispettivo elegante di scamazzarli) schiacciarli con un cucchiaio.

Come dicevo, assaggiandoli dopo averli lessati non sono molto dolci, però una volta aggiunto lo zucchero (che rispetto al volume finale dei fagioli è pochino - ho dovuto diminuire le dosi mentre scrivevo la ricetta) diventano dolcissimi!

11 commenti:

  1. mi serve assolutamente la ricetta di una ciambella al cacao. l'ultima che ho fatto la stiamo ancora digerendo. :)

    RispondiElimina
  2. W gli azuki!! Tra l'altro mi sono portato dietro da Tokyo un dolce tradizionale: si tratta semplicemente di azuki cotti e passati nello zucchero. Oishii!!! (come dicono in Giappone ;-))

    RispondiElimina
  3. Niente ciambelle, io, solo torte. :)
    Puoi provare a usare lo stesso impasto nello stampo del ciambellone, ma dovrebbe cuocere in meno tempo. Clicca su TAGS a destra nella home, e poi su torte. :)
    Consiglio la "prestofatto". ;-)

    Yari, mi piacciono questi azuki, sono stati una bella scoperta! :)

    RispondiElimina
  4. La marmellata di azuki è una delle cose più buone del mondo! Yari, mi fai tornare in mente tutti quei dolci buonissimi con gli azuki che avevano a Tokyo... che nostalgia...
    tra l'altro ho letto che gli azuki fanno benissimo ai reni! Non chiedetemi il perchè... ma credo sia una buona scusa per mangiarli, no?

    RispondiElimina
  5. si è buonissima la crema di azuki, l'ho già preparata anch'io...non mi ricordo se al posto dello zucchero avevo messo del malto....però buonissima ;-)

    Ciao ciao

    RispondiElimina
  6. Buona! L'ho assaggiata una volta in un ristorante, in accompagnamento al gelato. :-P
    Ma hai usato gli azuki rossi o verdi?

    RispondiElimina
  7. Che bello, questa ricetta posso provarla anche adesso che sono a dieta, usando i legumi come dolce invece che come secondo!! Ottimo, grazie Veruccia :))

    RispondiElimina
  8. Laura, non serve una buona scusa per mangiare legumi. :D

    Marta, ma di zucchero ne ho messo pooooco poco!

    Scriccia, erano azuki rossi. :)

    Antaress, un bacio. :) Buona scorpacciata!

    RispondiElimina
  9. Bè a me di solito serve perlomeno una scusa per mangiare i dolci... che siano di fagioli o no!

    RispondiElimina
  10. ...a me basta guardare, sbavare e passare all'azione! :$

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmarvi! ^_^