24 marzo 2006

Ricotta di soia

Ingredienti: 500 g di soia gialla da agricoltura biologica, il succo di un limone.

Mettere la soia in ammollo per 24 ore. Scolare e sciacquare i fagioli; portare a bollore 2 litri d'acqua in una pentola capiente. Con un frullatore a immersione, frullare finemente la soia aggiungendo poco a poco acqua calda. Rimettere la crema ottenuta nella pentola e farla bollire per 10-15 minuti, mescolando continuamente perché non si bruci attaccandosi alle pareti.
Quando il liquido è in ebollizione, versare il succo di limone, filtrato, mescolando lentamente. Si formeranno dei fiocchi di tofu. Mettere un panno in uno stampo forato (va bene anche un colapasta); raccogliere i fiocchi con un colino e versarli nello stampo, schiacciandoli per far colare l’acqua.

Qualche informazione in più sulla soia qui e qui.

19 commenti:

  1. ciao Vera, che carino questo blog!!
    Non proverò le tue ricette, ma devo dire che quello che vedo finora è proprio un bel vedere!!
    Grazie!
    :-)

    RispondiElimina
  2. Ti ringrazio molto!

    Spero di riuscire ad inventarmi qualche bella ricetta crudista... così accontento anche te!
    Carpaccio di zucchine può andare bene?

    RispondiElimina
  3. Carpaccio di zucchine?
    Ti faccio un monumento!
    :-)

    RispondiElimina
  4. Un paio di anni fa ci provai, ma non andò granché... appena metterò le "zampe" sugli zucchini di stagione, mi ingegnerò di più per riuscirci... Nel frattempo, porta un po' di pazienza! ^_^

    RispondiElimina
  5. Ciao Vera, mi son persa un attimino...
    Dopo aver frullato, filtri il tutto e porti ad ebollizione solo il latte ottenuto o fai cagliare tutto, "polpa" compresa?
    :-)
    pata

    RispondiElimina
  6. Si dovrebbe filtrare in modo tale che la polpa resti nel panno o nel colino, e il latte invece goccioli nella pentola. Però bisogna frullare bene, molto finemente, in modo da spezzare in piccole parti i fagioli.
    E mi raccomando, dimezza le dosi. Un chilo di soia è veramente troppo da lavorare.

    Fammi sapere com'è andata. ^_^

    RispondiElimina
  7. ciao vera con 1/2 kg di soja quanta ricotta ti viene circa?

    ciao marta

    RispondiElimina
  8. Dovrebbe venirne parecchia, quasi 500 g, un po' come per il tofu: viene circa una quantità pari a quella iniziale della soia.

    RispondiElimina
  9. l'ho fatta! anche se mi sono picchiata un pò con la ricetta che in alcuni punti è troppo vaga!!!alla fine ci sono riuscita..consiglio però di dimezzare le dosi...me ne è venuta una quantità industriale che nn so più dove mettere e come fare...
    qui la mia domanda: come si conserva?dove la metto?sotto acqua e sale come il tofu mi sembra un pò assurdo visto che ritorna pappetta...mi viene da pensare sotto sale o shoyu, ma come?ci hai mai provato?hai qc idea?mi dispiacerebbe buttarla via....e congelarla??...cosa ne uscirebbe?
    bhe confido in qc tuo consiglio
    grazie e ciao

    RispondiElimina
  10. Eeeeeeh, purtroppo ai primi tempi del blog non ero ancora pratica di "come si scrivono le ricette". :)
    Però nei commenti c'era scritto che ne veniva tanta! :D

    Per conservarla puoi congelarla oppure tenerla in frigo, senza acqua nè niente, ti dura 4-5 giorni! ;-)

    RispondiElimina
  11. ciao vera!
    ho appena scoperto la tua ricotta di soya. Io lo sapevo, ma mai sperimentato, a partire dal latte di soya in scatola...
    hmmm... mi viene una voglia matta di provare!!!

    ciao bella!!

    RispondiElimina
  12. fatto!!! velocissimo e ottimo risultato!!!

    facendo il latte di soya a crudo e scaldando il latte senza farlo veramente bollire penso che venga anche in versione quasi crudista!!

    RispondiElimina
  13. Ciao Vera,
    senti io sono intolerante all'lattosio e ho sempre voluto provare i formaggi vegan (credo che molto presto lo diventerò anche io) ma qui in Calabria e impossibile trovarli, quindi avevo voglia di provare a farli a casa da me, il problema e il limone, non posso assumere frutti citrici, si puo sostituire con gualcosa altro o no?

    RispondiElimina
  14. Ciao Cinnamon!
    Puoi usare l'aceto di mele o di vino, più o meno nelle stesse dosi. Se dopo si sente troppo l'odore, sciacqua tutto sotto acqua corrente. :)

    RispondiElimina
  15. Grazie, Vera, stamatina mio marito mi ha portato la soia, e quindi mi metto a lavoro! Non vedo l'ora!

    RispondiElimina
  16. Ciao Vera, grazie di questa ricetta, mi tornerà utilissima!

    RispondiElimina
  17. Ciao Fabietto, benvenuto! :)

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmarvi! ^_^