26 novembre 2006

Pancakes

Aaaaaaaaalloooooooraaaaa... non fate caso all'aspetto anemico dei miei pancakes, nella vita come in cucina mi lascio spesso prendere dall'impazienza e quindi li ho tolti dal fuoco prematuramente...

Queste dolcissime "frittelle" sono indissolubilmente legate al ricordo della scorsa estate a casa di Daniele e Antonella... mi sono ingozzata senza alcun pudore, nonostante Dani mi rimproverasse perché non stavo mangiando la mia frutta...!

Ma come avrei potuto resistere?

La ricetta è quasi identica a quella postata da William su consapevolmente.org, ma come al solito ho apportato qualche cambiamento perché in casa avevo ingredienti diversi!

Per preparare tre pancakes servono 100 g di farina, 150 ml di latte di soia, 10 g di zucchero di canna, mezzo cucchiaino di cremor tartaro, un pizzico di sale e un cucchiaino di olio di mais per ungere una padellina.

Mescolate con una frusta gli ingredienti, sciogliendo i grumi, e quando l'olio è caldo versate il composto nella padella.
Quando la superficie del pancake inizia a screpolarsi, rivoltatelo e lasciate cuocere per due minuti. Mangiateli belli caldi!
William suggerisce: "prima di affondare le fauci in queste sublimi frittelline, irroratele ben bene di sciroppo d'acero. In alternativa si possono usare: marmellata, malto, crema al cacao, zucchero a velo e tutto ciò che la fantasia vi suggerisce; anche se ritengo che il 'non plus ultra' dei condimenti per pancakes resterà sempre lo sciroppo d'acero."

Io non l'avevo e ho usato per questo il malto di mais, ma devo ammettere che anche l'Estrella con zucchero a velo è da leccarsi i baffi!

6 commenti:

  1. mi son sempre dimenticata di mandartela, mi sono ritrovata per sbaglio fra le mani quella che mi pare sia la versione vegan per le crepes.

    1/2 farina di ceci
    1/2 farina di farro (in realta' io ho usato questa perche' non posso usare quella di grano, ma siccome il suo scopo era rendere le crepes piu' elastiche, la farina normale dovrebbe essere piu' che ok)
    acqua fino a fare una pastella piuttosto liquida
    un pizzico di sale.


    Al solito, dovendo evitare il grano stavo cercando di farmi una specie di tortillas che nn lo contenessero (e con la farina di mais non mi riescono :( ), quindi ho provato a modificare la farifrittata con l'altra farina, per non farla rompere troppo. Solo che quando le ho cotte erano proprio uguali alle crepes! setose e morbide uguale, e t'assicuro che con marmellata et co (nutellaaaa, ma x te e' off limits)e' fantastica

    RispondiElimina
  2. L'estrella è mille volte più buona della nutella! :)

    io le ho mangiate anche con la marmellata di marroni e con il malto di riso, sempre ottime!!!

    RispondiElimina
  3. Io ho trovato l'estrella un po' amara, il che è strano perché a me il cioccolato amaro piace tantissimo... però personalmente ho la ricetta della veganella, cosa potrei volere di più? :)

    RispondiElimina
  4. amara??? stiam parlando della stessa estrella? Enrico la trova dolcissima! (x me è normale, buona)

    RispondiElimina
  5. estrella, quella del commercio equo-solidale? ... l'ho trovata ok, non proprio il max... (e con me i prodotti delle botteghe partono sempre avvantaggiati! :D quando tenevamo i banchetti era piu' quello che ci compravamo per sbafarcelo che quello che vendevamo agli altri!)

    RispondiElimina
  6. Grazie per la ricetta, lakura, me la sono segnata! ;)

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmarvi! ^_^