20 dicembre 2006

Pullece e' monaco

Adoro questi dolcetti, li ho sempre adorati.
Ne mangerei a chili, ma sono iper calorici e costano un occhio della testa, quindi non me lo posso permettere... Quest'anno ho deciso che li avrei preparati io e mi sono messa in cerca della ricetta, ma ho avuto qualche difficoltà.
Pensavo fossero dolci tipici di Napoli e li ho cercati col nome a essi attribuito qui a Castellammare: pullece e' monaco. Ebbene, non c'è alcuna traccia di nulla di simile in tutto il web. Pullece e' monaco in italiano suonerebbe come "pulci del monaco", e ovviamente anche così nessuna traccia. Mi viene il dubbio che queste meraviglie siano un prodotto puramente locale, o soltanto che qui (Imma direbbe "nel Burundi"), abbiamo dato loro un nome strano per complicarci la vita.

E va beh, niente ricetta, poco male. In fin dei conti e pullece e' monaco sembrano una via di mezzo tra un roccocò e un mostacciolo. Così ho ibridato le due preparazioni ottenendo qualcosa di simile all'originale e moooolto soddisfacente.

Ingredienti: 1 kg di farina, 400 g di zucchero di canna, 5 g di lievito per dolci, 2 bustine di vanillina, abbondante pisto (una miscela di spezie; se non lo trovate già pronto mescolate 5 g di pepe bianco, 15 g di noce moscata, 15 g di cannella, 5 g di chiodi di garofano; il tutto deve essere finissimamente macinato), 300 g di mandorle tritate, 200 g di nocciole tostate e tritate, 100 g di cacao amaro in polvere, 250 g di cioccolato fondente, una tazza circa di latte di soia.
Mescolate farina, zucchero, cacao, lievito e spezie; unite la frutta secca tritata. Aggiungete acqua tiepida poco a poco e lavorate a lungo la pasta, amalgamando il tutto. Infarinandovi le mani, staccate dei pezzi di pasta e formate delle palline delle dimensioni di una noce, schiacciandole leggermente. Infornatele sulla placca del forno finché risulteranno croccanti (nel mio caso, 20 minuti a 170° e poi altri 30 minuti al minimo - 120°).
Nel frattempo sciogliete il cioccolato a bagno maria, aggiungete zucchero o malto e diluitelo versando poco latte di soia. Spennellate la crema ottenuta sui dolcetti, prima che solidifichi cospargete di diavolini e quando sono asciutti ripetete l'operazione sull'altro lato dei dolci.

I diavolini sono piccoli confetti che servono a decorare i dolci e sono sostanzialmente composti di amido e coloranti. Dal punto di vista nutrizionale sono abbastanza inutili e non danno nemmeno molto sapore, però sono belli da vedere e se non ce li mettete i vostri pullece e' monaco sembreranno estremamente tristi.


PS: news dell'ultima ora, Laura mi informa che il nome italiano di questi dolci dovrebbe essere tatù, pare siano di origine siciliana...? Se li riconoscete in fotografia, avanti, ditemi come li chiamate, fatemi uscire da questa beata ignoranza!

30 commenti:

  1. Bene, mi commento da sola questo post per dirvi che ho trovato notizia dei tatù qui, e a quanto pare la ricetta l'ho "azzeccata" abbastanza bene... :D

    Happyness.

    RispondiElimina
  2. ma come faresti senza di me??hihi vabbè, lo ammetto, il merito è stato di mamma ke ha kiesto....fonte ufficiale:è stato il figlio di un noto pasticciere a dare la sentenza!!!perciò...dobbiamo fidarci!!!

    RispondiElimina
  3. Bravissima la mia investigatrice personale! :D

    Bacio!

    RispondiElimina
  4. Sembrano buonissimi, proverei a farli x Natale... mi manca solo il pisto, tu dove lo compri, Vera?
    (sono una pigrona e non ho voglia di combinare tutte le spezie ;-) )

    Pinklady

    RispondiElimina
  5. Io lo trovo al supermercato, dalle mie parti si trova facilmente!
    Potresti anche provare in un negozio di articoli per pasticceria...

    RispondiElimina
  6. Qui al supermercato non c'e`...
    E un negozio di articoli per pasticceria non so nemmeno che aspetto abbia!! :-D
    Uff... mi tocca miscelare...

    pinklady

    RispondiElimina
  7. Pink... qui da me ce ne sono un paio... vengono tutto il necessario per preparare dolci!
    Stampi di tutte le forme, creme, gel coloranti, confetti, frutta secca tritata, decorazioni per torte... queste cose qui!
    E anche miscele di spezie.
    Se non la trovi, mescola almeno cannella e noce moscata... :)

    E fammi sapere! :D

    PS: l'anno prossimo ci si organizza per tempo e spedisco pisto in tutta Italia a chiunque ne farà richiesta... ;)

    RispondiElimina
  8. Le foto di questi dolcetti sono davvero invitanti...Chissà che bontà!
    Penso che mi cimenterò presto!
    Così come per il tiramisù! :P
    Intanto il mio graduale passaggio verso il veganismo procede bene: oggi niente carne né pesce!
    non ho però potuto evitare 2 yogurt al malto (non di soia) e uno sdrudel con ripieno di verdure (fin qui nulla di male, perchè dire che era squisito è poco), su cui mia mamma aveva però dato una spennellata di un uovo. Ma Vera, tu l'uovo come lo sostituisci? Ad esempio, quando è necessario per preparare la pasta di una torta dolce o salata che sia.
    Però per il resto ho mangiato frutta secca (comprato all'equo solidale e composta da un mix di banane,uvetta,mango,anacardi e noci dell'Amazzonia) e una banana. E ieri sera, dopo una partita intensa, invece del panino al prosciutto cotto preparato dai dirigenti, ho gustato il mio panino ai cereali con fette di pomodoro, una spolverata di origano, un filo d'olio e sale. :D
    Però quando ho detto alle mie compagne di squadra che d'ora in poi avrei cercato di fare a meno della carne, e poi del pesce, del latte e derivati, e delle uova, mi hanno dato della pazza e mi hanno chiesto come posso andare avanti solo a verdura e frutta.
    Ho tentato di spiegare che non c'è solo quello, ma altre cose come cereali, prodotti integrali, tofu e seitan ma...sono rimaste assai perplesse!
    Vabbè!

    RispondiElimina
  9. Non ho idea di come si chiamino, ma devono essere mortalmente buoni!

    RispondiElimina
  10. PS. Mi prenoto per il pisto. In cambio da Torino ti mando i gianduiotti (rigorosamente vegan, come prevede la ricetta originale!)

    RispondiElimina
  11. Non preoccuparti, Vera, per questa ricetta deliziosa vale la pena di superare la mia pigrizia! ;-)
    Di negozi di cui parli qui non ne ho mai visti. Ma ora mi hai proprio messo la pulce nell'orecchio (tanto x restare in tema): chiedero` a qualche amica se ne ha notato uno.
    Riguardo alla tua proposta mi trovi assolutamente a favore. Naturalmente la destinataria della prima confezione di pisto che spedirai saro` io, vero? ;-D
    Ciao, e grazie

    pinklady

    RispondiElimina
  12. Ciao Eleonora. :)
    Complimenti per i tuoi progressi!
    Dunque, l'uovo come lo sostituisco? :D Uhm, non lo sostituisco, non per nulla non mi cimento mai in torte e biscotti: ho qualche problema a relazionarmi col forno, e col lievito. :D
    Però, nella colonna dei links, troverai alcuni siti e blog che contengono anche ricete di dolci, potresti ispirarti lì. ;)
    Uhm, per vincere la perplessità delle tue compagne, perchè non scarichi qualche opuscoletto o qualche studio dal sito ssnv.it?
    Baci!

    Yari, sì, sono decisamente buoni e decisamente mi prenoto anch'io per i gianduiotti! :D

    Ciao pink, datti da fare con questa ricerca, l'anno prossimo a fine novembre inizierò l'appello delle persone da "appistare", prenotati in fretta. ;)

    Baci a tutti!

    RispondiElimina
  13. Mi permetto di rispondere a Eleonora per il discorso uova: per i dolci puoi
    a) non metterle, il dolce viene lo stesso (anche se più "compatto")
    b) sostituirle con 1 cucchiaio di amido di mais (maizena) per ogni uovo
    c) 1 cucchiaio di farina di ceci per ogni uovo
    d) 1 banana schiacciata
    Le prime volte sperimenta, oppure rifatti alle ricette vegan che trovi anche su Internet
    Per le frittate basta sostituire le uova con una pastella di acqua e farina di ceci.

    RispondiElimina
  14. ehy, ma poi l'esame all'uni?

    RispondiElimina
  15. Grazie, yari, per la precisazione! ;)

    Piperita, l'esame è andato, ho scritto :D e l'8 gennaio saprò i risultati, spero di essere passata! :)
    Grazie di aver chiesto. ^^

    RispondiElimina
  16. ? ma dove l'hai scritto? :(( non mi sono accorta
    piper

    RispondiElimina
  17. ah, intendevi che era un esame scritto? scusa, sai, è tardi, capisco poco
    piper

    RispondiElimina
  18. Piperina allucinantesi, oppure Vera eccessivamente sintetica? ;)

    Intendevo "qualcosa ho scritto" quindi c'è ancora speranza! ^^

    Bacione!

    RispondiElimina
  19. grazie a yari per le delucidazioni!
    intanto che ci sono chiedo altri consigli:
    al posto del burro (sia nella preparazione di dolci che salati) cosa si può usare?
    So che si può usare l'olio extravergine di oliva (anche se non so in che dosi...cioè vorrei fare un dolce trovato su una rivista che prevede ben 150gr di burro, una vera esagerazione anche per chi non è vegano. Un attentato alla salute!): come faccio a dosare l'olio?
    Che altre alternative ci sono al burro, oltre all'olio?
    Infine: per la panna. So che c'è quella vegetale, ma penso quella sia preposta all'uso per piatti salati 8tipo pasta, ecc). Per i dolci invece?
    Grazie mille!

    RispondiElimina
  20. ri-ciao!
    oggi ho fatto delle polpette di ceci.
    buone, sapevano di ceci (come è ovvio) con un retrogusto di cipolla; le ho preparate seguendo le ricette del sito che offre il kit x iniziare la strada del veganismo.
    Erano buone (e infatti le ho spazzolate tutte) però non sono riuscita a tenerle unite. Le polpette mi si rompevano in mano mentre le passavo nella farina per farle poi friggere e anche quando le ho messe nell'olio si sono "sfaldate".
    Alla fine non erano polpette, ma una sorta di frittata!
    Comunque gustosa.
    Evidentemente mancava il legante dell'uovo. Come sostituirlo? Come tenere unite le polpette?
    Penso che i suggerimenti dati da yari (banana schiacciata, maizena, ecc) siano utilizzabili solo per i dolci.
    Ergo per i piatti salati?
    Grazie!
    Cara Vera, ora mi esercito nella preparazione dei pancakes seguendo la tua ricetta!!!incrocio le dita

    RispondiElimina
  21. ho appena preparato un pancake!
    yum!
    però non sono usciti belli rotondi come i tuoi...
    io quando ho messo l'impasto in padella con un filo d'olio caldo (ho messo però quello extravergine d'oliva) non sono riuscita a stenderlo bene su tutta la superficie della padella. non scivolava bene!
    Non so come mai.
    Comunque l'ho mangiato con un poco di zucchero a velo (purtroppo lo sciroppo non l'avevo in casa ma mi hai così incuriosito che lo voglio acquistare prestissimo!).
    e adesso ho appena finito di preparare la veganella :) con una tavoletta extra fondente di cioccolato dell'equo solidale, zucchero di canna, latte di soia. Non avevo l'olio di semi e le nocciole, ergo ne ho fatte a meno!
    spero che il risultato sia comunque ottimale!

    RispondiElimina
  22. Eleonora, allora, vediamo un po': io nei dolci che prevedono il burro mi regolo "a naso". In alcuni uso olio dal sapore neutro (mais o arachidi), in altri la margarina che comunque andrebbe anch'essa evitata (assolutamente sconsigliata quella contenente grassi idrogenati).
    Vado veramente a occhio, uso olio o margarina a seconda di come penso venga meglio il dolce... e anche per la quantità, purtroppo, mi regolo a occhio, quindi non ti so aiutare!
    La panna vegetale esiste sia da cucina che per dolci, ad esempio la Soyatoo, me ne hanno regalato una confezione Daniele e pleiadi!

    Come tengo unite le polpette? Di solito col pangrattato, oppure poca farina, addirittura qualcuno usa i fiocchi di patate liofilizzati per il puré... nel caso delle polpette di ceci (falafel) pare sia fondamentale far riposare l'impasto in frigorifero prima di friggerlo, altrimenti si spappolano! L'ho letto su veganitalia...
    Per la sostituzione dell'uovo nei piatti salati, l'alternativa alla frittata è la frittata di ceci (trovi molte ricette in proposito in questo blog); altrimenti nelle torte salate... beh, io seguo ricette già vegan per pasta frolla e sfoglia, oppure utilizzo la pasta per pizza. Era a questo che alludevi?

    Eleonora, cavoli, ma sei un vulcano! :D
    Forse la pastella non si è stesa bene perché troppo densa? Oppure hai usato troppo poco olio!
    Per quanto riguarda la veganella, le nocciole danno quel gusto tipico di crema alla nocciola fondamentale nella Nutella, ma sicuramente apprezzerai anche questa variante.
    Spero di aver risposto a tutto lasciandoti soddisfatta, fammi sapere come procede!
    Baci!

    RispondiElimina
  23. ciao Vera!
    oggi ero piuttosto elettrizzata dal mio nuovo colore di capelli (blu-nero) che mi sono concessa stamattina dal parrucchiere.
    Poi oggi ero a casa da sola e ne ho approfittato per sperimentare, senza avere intorno altre persone che magari brontolano o controllano quello che faccio! ;)
    Così mi sono cimentata nell'arte culinaria assolutamente veg!
    Seguirò il tuo consiglio per le polpette di ceci (o lenticchie, ecc).
    Per quanto riguarda i pancakes: penso che fosse troppo denso l'impasto, eppure ho seguito per filo e per segno le indicazioni trovate sul tuo sito.
    Comunque sia ne ho fatto assaggiare uno anche ai miei genitori, spalmandolo con un po' di veganella che in frigo si era già abbastanza raffreddata e hanno molto apprezzato!
    siamo andati poi a fare la spesa in un supermercato e ho chiesto se avevano lo sciroppo d'acero, ma gli addetti mi hanno guardato storto come per dire "Sciroppo de che?" e alla fine non lo tengono.
    Dovrò rivolgermi al negozio biologico!
    Un beso.

    RispondiElimina
  24. Ciao Ele. :)
    Belle le giornate di sperimentazione culinaria, ogni tanto le faccio anch'io! ^^
    Uhm, tu ti sei fatta blu, io mi sono fatta rossa, che periodo di cambiamenti! :D

    Uhm, sciroppo d'acero... sicuramente più probabile trovarlo in erboristeria / negozi di prodotti macrobiotici! Comunque io uso tranquillamente il malto di riso... ;)
    Bacioni!

    RispondiElimina
  25. più probabile che fossi io un po' rimbambita a non capire :))
    in questi giorni sono un po' sollevata da terra, son felice...
    connetto poco, insomma, come quando si è innamorati

    tra l'altro non so se faccio bene a mettere il commento qui, in un posto vecchio, però mi accodo ad eleonora nel dire che i falafel a ma non stanno mai insieme. MAI

    così, per testimonianza

    mi chedevo se fosse per via della buccia dei ceci, nel senso che non ho mai capito se vada tolta o no. ho letto ricette contrastanti

    besoz

    RispondiElimina
  26. Ciao piperita!
    Non ti preoccupare, ricevo la notifica dei commenti, quindi anche se scrivi in un post vecchio io lo vengo a sapere! :p

    Come mai così felice? :) Che bello sentirti positiva!

    Anche i miei "simil falafel" si sono spappolati, sinceramente non so che dirti...
    Fondiamo un gruppo di auto aiuto del falafel disfatto e disfattista? :)

    RispondiElimina
  27. boh? ma tu la buccia la lasci o no? mi pareva di no. sbaglio? ma in altre ricette si dice di si.

    fondiamo il club :P

    perchè sono felice?
    sai, io temo di averti fatto un'impressione un po' "tristerella", un po' musona, dato ciò che spesso scrivo nel forum.
    in realtà sono molto allegra e positiva sempre. in questi giorni particolarmente, ma anche io non so spiegarmi bene il perchè. me la godo e basta, per ora

    ciao, bella bianda, ops, rossa

    RispondiElimina
  28. Piperina, io la buccia la tolgo...

    No, non mi hai dato l'impressione di una persona musona, soltanto mi chiedevo se eri felice per qualche motivo particolare. :)
    La tua positività è una delle cose che percepii conoscendoti su promiseland. :)

    Goditela, goditela. :D

    RispondiElimina
  29. aderisco al gruppo "sos falafel"...
    :)

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmarvi! ^_^