23 gennaio 2011

Plumcake alle quattro delizie

Ciao a tutti!
Sono da poco tornata a Roma e già mi ritrovo alle prese con la mia caotica, strabordante dispensa. Mi piace avere una grande varietà di ingredienti a disposizione quando cucino, ma la mia tendenza all'accumulo e all'acquisto compulsivo di prodotti "in attesa di trovare qualcosa da farci" ha raggiunto livelli notevoli e creato situazioni assurde. Per esempio? Non ho la farina, ma possiedo tre diversi tipi di uvette e quattro confezioni di agar agar. Non ho riso carnaroli, ma in compenso ho quello rosa del Madagascar, un thay aromatico ancora sigillato, il riso nero tipo venere, e quello thay versione rosso integrale (che detto tra noi odio, perché anche dopo diecimila ore di ammollo e cottura resta sempre duro).
Insomma, devo rimboccarmi le maniche e inventarmi qualcosa per domare la dispensa e riportarla alla normalità!

Un prodotto che mi sono trascinata dietro addirittura da Castellammare è la crema di arachidi della Probios, senza sale né zucchero. In generale il burro di arachidi mi piace, anche se non mi fa impazzire, ma questa versione neutra non mi va proprio giù. Già due mesi fa mi era venuta l'idea di usare la crema per un dolce, ma poi non ne avevo fatto più nulla. Stavolta invece... mi sono decisa!


Plumcake alle quattro delizie
Ingredienti per uno stampo grande (il mio è di 32 cm)

450 g di farina 00
100 g di uvetta già reidratata
150 g di crema di arachidi
80 g di cioccolato in pezzettoni
50 g di noci sgusciate in pezzi
150 g di zucchero di canna
400 g di yogurt alla banana
200 g di acqua calda
1 bustina di cremor tartaro (con già dentro il bicarbonato)
3 cucchiai rasi di aceto bianco o di mele

Foderate lo stampo con della carta da forno inumidita e ben strizzata. Riscaldate il forno a 180°.
Mescolate bene la crema di arachidi con metà dell'acqua, usando una forchetta; aggiungete lentamente lo yogurt, continuando a mescolare: il composto deve essere cremoso e quasi "montato", ma fluido.
In un contenitore capiente, setacciate lo zucchero e la farina e mescolateli insieme.
Infarinate leggermente l'uvetta e mischiatela alle noci e al cioccolato.
Versate la crema di arachidi sulla farina, mescolate bene con un cucchiaio di legno e aggiungete l'acqua restante fino a ottenere un impasto morbido.
Aggiungete il cremor tartaro, versandolo a pioggia attraverso un setaccio, quindi unite l'aceto, mescolate il tutto velocemente e versate nello stampo.
Cuocete per almeno 45 minuti e poi fate la prova stecchino per verificare la cottura. Il mio plumcake è stato in forno 55 minuti.

La crema di arachidi si sente, ma solo leggermente, e si sposa benissimo con l'aroma della banana; il cioccolato va d'accordo con entrambi i sapori e per di più crea delle goduriose perle di morbidezza nell'impasto, aiutato in questo dall'uvetta (divina, se ammorbidita in acqua e brandy o rum). Vi consiglio di aspettare mezza giornata prima di mangiarlo, così i diversi sapori potranno amalgamarsi a dovere. Dopo qualche ora di riposo, è molto più buono!
Nato per far fuori gli avanzi, il plumcake si è rivelato una sorpresa. L'abbiamo spazzolato in meno di ventiquattro ore! Sto quasi pensando di ricomprare la crema di arachidi per rifarlo...

10 commenti:

  1. dev'essere buonissimo ^_^
    Posso chiederti se la crema d'arachidi è il burro di arachidi o una cosa diversa?? ^_^

    RispondiElimina
  2. Come ho scritto nel post, la crema di arachidi è pura arachide al 100%; invece nel burro ci sono zucchero e sale e mi sa anche olio aggiunto, per renderlo più cremoso. Però penso che con qualche aggiustamento di dosi vada bene anche il burro di arachidi. ^_^

    RispondiElimina
  3. Hehe,questo post potrei averlo scritto io! ieri volevo fare una crostata e mi sono accorta che nella mia dispensa c'erano la farina integrale, quella di riso, quella di grano saraceno, di ceci, quelle per la macchina del pane ma non della normalissima farina bianca 00!
    Bello questo plumcake! poi,gironzolando nel tuo blog,ho scoperto finalmente quali sono i vantaggi del cremor tartaro al posto del normale lievito...chissà,potrei cominciare ad usarlo visto che di dolci ne faccio spesso...
    Continuo a leggerti :)

    RispondiElimina
  4. ah ah ah!!!
    idem!
    mi ritrovo sempre con qualche ingrediente in meno e tante stranezze in più!
    sarà perchè siamo maniache compulsive per davvero?!?!?!?

    dolcetto veramente da tener conto!

    RispondiElimina
  5. Scusa l'effetto spamming, ti scrivo per segnalare il contest promosso da Madama Bavareisa e Kemikonti

    Decolla la nuova iniziativa food-bloggers contro l’atteggiamento indegno del Governo nei confronti delle donne.
    http://merendasinoira.wordpress.com/2011/01/24/entro-il-6-febbraio-liberiamoci-del-maiale/
    http://kemikonti.blogspot.com/2011/01/nuovo-post.html
    ti aspettiamo!

    RispondiElimina
  6. lo adoro!

    Peccato che per ora abbia il forno non funzionante! Ma proverò presto a farlo!

    RispondiElimina
  7. @Natadimarzo, almeno puoi preparare una crostata integrale, no? :)
    Col cremor tartaro mi trovo molto bene e non uso più il lievito "chimico" da anni ormai, sono soddisfatta così! :)

    @Luby, più che altro è che mi sono portata da casa una quantità di ingredienti strani che non ho più avuto modo di usare, ma adesso mi tocca, mica posso buttarli? ;-)

    @Gaia tranquilla, mica è spam questo! :) Vado a leggere!

    @Lunabee, spero che il tuo forno "guarisca" presto, e se provi la ricetta fammi sapere come ti viene! :)

    RispondiElimina
  8. Gaia, scusa ma... non è molto carino postare un'iniziativa del genere su un blog vegan. :(

    Non è carino postarlo e lo è ancora meno proporla, veramente, una simile iniziativa.

    Capisco la metafora del Berlusconi porco, ma perché farci andare di mezzo i maiali, quelli veri e innocenti che con la politica niente hanno a che fare? :|

    RispondiElimina
  9. scusami tantissimo vera, non volevo assolutamente urtare la tua sensibilità e le tue convinzioni, capisco perfettamente il tuo punto di vista e la tua filosofia, mi dispiace veramente di quello che è successo.

    RispondiElimina
  10. Tranquilla Gaia, non mi sono sentita offesa, più che altro ci sono rimasta male, non so come spiegarmi... l'iniziativa in sé è carina, quella del finocchio mi era piaciuta tanto anche se non ero riuscita a partecipare, ma quando ho letto i link mi è presa a male.

    Nessun rancore da parte mia comunque, davvero, e spero sia tutto a posto anche per te. :)

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmarvi! ^_^