27 dicembre 2006

Henné

Scena: Napoli, un paio di venerdì fa.

Decido di "fare filone" dall'università ed evado per qualche oretta... Trotterello alla bottega del commercio equo O' pappece, e di buona lena mi dedico alla razzia di veganità varie (crostatina ai mirtilli del Baule volante, gnam gnam! ).
Mi sposto nella zona "artigianato e cosmesi"; mentre beatamente mi occupo dei fattacci miei, un guizzo.

Vedo questo.



E rimango paralizzata.
"Uau", mi dico. Perché non mi aspettavo proprio di trovare l'henné in bottega. "Ma non sarà puro", mi dico, e così prendo una confezione e leggo gli ingredienti. Lawsonia inermis. Stop. Purissimo. "Uau", mi ripeto, affascinata. E poi lo poso. Perché non avevo poi questo grande desiderio di diventare rosso fuoco, un venerdì pomeriggio qualunque...

Continuo a fare le mie faccende, ma poi ci ripenso. Riflettendo tra me e me. "Uhm". E poi di nuovo "uhm". E alla fine "uhm!". E così decido di comprare l'henné.

In fin dei conti, mi accorgo che ho proprio voglia di cambiamenti. Devo fare qualcosa ai miei capelli e il primo istinto sarebbe quello di tagliarli a spazzola. Ma so bene cosa significa tenerli a spazzola, ho già fatto l'esperienza per tre anni e tre inverni. Il freddo. Quelle ventate pazzesche che si abbattono sul tuo aerodinamicissimo cranio girandoci intorno sadicamente, per poi scivolare con giubilo lungo la nuca - leggasi dolori cervicali atroci. E la noia. Vederti tutti i giorni sempre uguale, senza poter variare. Detestare quella zazzera simil-porcospino che non asseconda i tuoi stati d'animo e ti mostra tagliente e rampante anche quando vorresti solo coccole e una tregua.
Lo so che i capelli corti sono comodi e facilmente gestibili. Lo so che mi stanno bene. E non piacciono a mio padre perché mi trova "poco femminile" (papi... ).
Però, però, però... mi ricordo che stavo bene anche quando mi tinsi di color ribes. E anche quello a mio padre non piaceva. Per cui mi dico che forse il rosso fuoco non sarebbe una cattiva idea.

E saltello felice verso la cassa, con una scatola di non-violenta ribellione in mano.


Henné Manantial de las Flores (EquoMercato), "Hennè naturale ramato per tingere i capelli naturalmente". 5.20€ per 100 grammi. Pare che sia un po' tantino, ma non troppo; ed essendo una pianta originaria del Nord Africa, mi sento molto più tranquilla ad averlo comprato in bottega. C'era anche ramato chiaro (Lawsonia e curcuma) e ramato scuro (Lawsonia e caffé) ma ho preferito prendere quello puro ed aggiungere eventualmente io stessa la curcuma.

Perché si parla di henné in questo blog?
Com'era scritto sulla confezione, serve a colorare i capelli naturalmente. Molte tinte chimiche sono testate su animali, e rovinano i capelli. Anche quelle che non contengono ammoniaca... lo so perché le ho usate per un po' e ne porto ancora i segni (nonostante siano passati 4 anni, ho le punte rovinate). Potete leggere una piccola introduzione per conoscere l'henné e le sue proprietà qui.
In breve, quello che ho scoperto sul forum Capelli di fata è che l'hennè, a differenza delle tinte chimiche, non penetra nel capello bensì si deposita su di essi, proteggendoli e inspessendoli. Tende a contenere l'effetto crespo e dovrebbe anche avere una funzione seboregolatrice e antiforfora... Comunque la quasi totalità delle capellone che lo usano lo adora, e ho deciso di provare. Secondo le istruzioni di base sull'uso dell'hennè, ho seguito questo procedimento.

Alle 8.30 ho preparato la pappetta. Ho usato 60 g di lawsonia (avevo messo tutti i 100g nella ciotola - di vetro - ma mi sono resa conto che erano troppi, ho i capelli sottilissimi, infuso di camomilla molto concentrato (circa 10 cucchiai), succo di limone e mandarino (avevo finito i limoni) circa 5 cucchiai, yogurt di soia circa 4 cucchiai.
Ho mescolato bene cercando di sciogliere i grumi, coperto con pellicola trasparente e lasciato ossidare, finché è diventato marrone. Vi avverto, l'henné ha un fortissimo odore di erba, e sembra fanghiglia puzzolente, non spaventatevi . Intorno alle 15 mi sono lavata normalmente i capelli, li ho asciugati un po' e poi mi sono fatta spalmare la pappetta da mamma, utilizzando un pennellone da cipria. Ovviamente indossavo abiti sporcabili, la stanza era tappezzata di giornali, e mi ero avvolta un vecchio asciugamani intorno al collo (nonostante fosse bello denso, il composto colava un po').
Mamma mi ha incellofanato la testa, mi sono messa un deliziooooso cappellino da rapinatore tipo passamontagna perché l'henné era gelido, ed ho trascorso la seguente ora cercando di convincermi che non stavo per diventare verde.
Per decidere i tempi di applicazione, il ragionamento è stato questo: sono bionda, quando feci la tinta chimica (ribes) il colore prese da morire, ci vollero due decolorazioni, un'estate al mare e sei mesi di shampii per tornare bionda. Se tengo su l'henné per tre ore mi ritrovo più o meno di questo colore qui, che non è proprio quello a cui aspiro... quello a cui aspiravo erano piuttosto dei "riflessi" rossi, oppure un blando (molto blando) rosso tiziano... Beh, insomma, mi sono detta che un'ora sarebbe stata sufficiente e infatti dopo un'ora mi sono spacchettata, sciacquata i capelli finché l'acqua è tornata limpida, e poi ho affrontato lo specchio.

Cavoli, se ero rossa. Molto rossa. Beh, mi sono consolata, almeno non ero verde!

Mantenendo la calma, ho asciugato ben bene i capelli, e già ero meno rossa. Il colore si è assestato nel giro di tre o quattro giorni e mi dicono che tecnicamente risulto essere strawberry blonde.
Sarà, a me sembrano rosso carota.

Cosa noto... sono più corposi, si sente al tatto e si vede anche; sono luuuucidi; il cuoio capelluto sembra più equilibrato; sono meno crespi e più pettinabili e ne perdo meno (soprattutto se ne spezzano meno). Il colore è bello, naturale; mi sta bene e penso di rifarlo presto. Forse aggiungerò curcuma, ma non so se questo mi farà risultare più bionda o al contrario più rossa!

Devo dire che è stata un'avventura divertente e inaspettata. Sono felice di averlo fatto e ansiosa di perfezionare la ricetta. Al momento non mi viene in mente altro, quindi questa è la storia del mio henné. Nulla di particolarmente significativo; se volete approfondire l'argomento potete visitare il sito henna for hair (in inglese) oppure iscrivervi al forum capelli di fata ed aspettare l'accesso.
Posso dire che ne vale la pena, se si riescono a superare le perplessità sul colore (so quanto possa essere difficile azzeccare quello desiderato); avere la sensazione che quelli che ti stai spalmando in testa non è nocivo per ambiente, animali ed esseri umani è bello, proprio bello.

Vera pre henné:



Vera post henné:

33 commenti:

  1. ank io.......anzi no, devo usare "quell' altro" visto ke mi hai spiegata che l' hennè non tinge di nero ma delle tonalità di rosso. Alla faccia del mio parrucchiere che mi vuole ostacolare in tutti i modi...... cmq anche il mio primo incontro ravvicinato con l' hennè è andato ben....ma si sa, la prima va sempre bene, il problema è la seconda......
    baci e ...buona vacanza!

    RispondiElimina
  2. Io ne ho combinate tante con i miei poveri capelli quando ero un fanciullina ribelle...pensa che li ho fatti persino rosa (tipo Kurt Cobain in un certo periodo, non so se hai presente...)! Alla fine sono approdata anch'io all'henné e ho riscontrato che non solo non rovina i capelli, ma li infoltisce e rinforza, rendendoli persino più morbidi... Ora sono almeno 3 anni che non li tocco invece e ho boicottato definitivamente anche il parrucchiere (se proprio devo spuntarli me lo faccio io, tanto sono così lunghi e mossi che non si nota molto).
    Un saluto e buone feste.

    RispondiElimina
  3. ciao!
    Non sapevo di questo utilizzo dell'henné! Pensavo fosse da usare solo per i tatuaggi non permanenti.
    E senti, c'è qualcosa di questo tipo (naturale e che non rovina i capelli) per tingerli di nero?
    Per quanto riguarda il mio percorso perso il veganismo...oggi è andato tutto bene!
    Anzi ho fatto due acquisti interessanti: un libro di ricette vegetariane e un altro sempre di ricette vegetariane ma con anche ricette vegan, fresco fresco di pubblicazione (2006).
    A tavola: ho rifiutato a pranzo di mangiare i resti della faraona ripiena di Natale. A cena ho mangiato riso misto a farro e orzo con radicchio e (ahimé) taleggio, però un piccolo passo l'ho fatto perché di solito, con questo primo, aggiungevo altri pezzetti di taleggio (dovete sapere che sono un'ingorda di formaggio)mentre stasera - e in futuro - non integrerò altro formaggio.
    Anche perché non li compro più!
    Poi oggi pomeriggio, tra una capitolo e l'altro del libro di cinema, ho preparato la frittata di ceci. Devo dire che il risultato non è stato dei migliori, forse troppo spessa e poco salata. Ritenterò!
    Invece con i pancakes è andata alla grande: strabuoni!
    E con lo sciroppo d'acero, avevi proprio ragione Vera: SUBLIMI!

    RispondiElimina
  4. Lauretta, esatto, a te starebbe proprio bene un bell'indigo... ;)

    Nives, hai perfettamente ragione, la differenza la vedo da subito, sono più resistenti! Anch'io ho boicottato il parrucchiere e sto facendo crescere i miei capelli grazie allo stupendo forum di Dafne! :D
    Buone feste anche a te! ;)

    Eleonora, credo che l'henné utilizzato per i tatuaggi non sia lo stesso di quello per i capelli; nel senso che si usano sicuramente miscele diverse... infatti il sito hennaforhair fa parte di un altro sito genericamente dedicato all'hennè. :)
    Per tingerli di nero puoi usare un'altra pianta che si chiama indigo... indigofera tinctoria mi pare che sia il nome scientifico.
    Nei prossimi giorni magari ti estrapolo alcune informazioni dal forum capelli di fata, al quale comunque ti consiglio di iscriverti se l'argomento ti interessa.
    Congratulazioni per i tuoi passi avanti sul veganismo; che libri hai comprato, se posso chiedertelo?

    Un saluto a tutti e buon proseguimento di vacanza! ^^

    RispondiElimina
  5. Sono bellissimi Vera, complimenti :-o

    RispondiElimina
  6. Io ho avuto disavventure mica da ridere con l'hennè forse perchè non ho aggiunto lo yogurt?
    L'ho fatto solo con la polvere e acqua... alla fine avevo i capelli durissimi tipo paglia e 2 ore per sciacquarli...
    Sono una frana io o è successo anche a qualcun altro?!!?!

    Bacioni Vera
    Valentina

    RispondiElimina
  7. Valentina, l'henné può essere fatto senza yogurt, ma serve una sostanza acida (come il limone) per permettergli di fissare il colore.
    Lo yogurt oltre a essere acido è anche nutriente per i capelli e li lascia morbidi, è consigliato per chi ha i capelli secchi; se si hanno grassi è meglio non metterlo.
    E serve a rendere la pappetta più fluida. ;)
    Credo che quello che è successo a te sia normale, potresti riprovare seguendo queste nuove informazioni! ^^

    RispondiElimina
  8. e perchè sulle confezioni di hennè che compro io e che ho comprato non ci sono le istruzioni?!!?!?!?
    Faccio causa ai produttori :P
    Grazie Vera... meno male che esisti!!!

    RispondiElimina
  9. Vale, sulla mia confezione c'erano istruzioni dettagliatissime... non so che dirti! ;)
    Avrò avuto solo fortuna! ^^

    Ma allora ci riprovi?

    RispondiElimina
  10. vi consiglio di visitare questo sito per gli acquisti cruelty free. ciao!

    www.bottegavegana.it

    RispondiElimina
  11. Uhm... ancora una volta non molto carino lasciare commenti anonimi, soprattutto per pubblicizzare attività commerciali...

    RispondiElimina
  12. Guarda Vera, in uno slancio di ottimismo potrei anche rifarlo ma sono un po' terrorizzata :P

    RispondiElimina
  13. Bene! :D
    Dai che ci sono io che ti incoraggio!
    Purché tu sia scevra da ogni traccia di tinta chimica, che altrimenti mi esci verde! ^^

    RispondiElimina
  14. Io uso l'hennè anche se non di frequante come dovrei. l'effetto è strepitoso: capelli lucidi, sani, niente forfora, colore da paura, l'unico inconveniente è che macchia l'asciugamano finchè non si toglie definitivamente e lo stesso vale per le magliette se vengono indossate con i capelli non perfettamente asciutte. Le macchie però si levano senza lasciare tracce quando laviamo il capo. quindi non è proprio tragica la cosa.

    RispondiElimina
  15. Io invece non ho mai macchiato gli asciugamani... tranne quello per evitare di sgocciolare sul pavimento. :)

    RispondiElimina
  16. grazie della tua esperienza!anche io ho comprato quell'henne e non sapevo se tingesse molto o no...con te ho avuto la prova che tinge parecchio!!evvai!

    RispondiElimina
  17. Tinge, tinge, soloio, secondo me tinge un bel po'! :)
    Benvenuta!

    RispondiElimina
  18. Ciao a tutte, sono nuova qui.
    Mi chiamo elisa e sono di Venezia.
    Leggevo il post sull'henne... bella esperienza.
    Io ho usato per anni l'hennè incolore per la forfora e un giorno mi sono decisa a farli rossi ed è stato stupendo. Se solo le altre sapessero che stupende tonalità si possono avere!!!
    Ho 26 anni e dopo 2 gravidanze ho già i capelli bianchi ma miscelando spesso hennè diversi e cambiando tonalità riesco a coprirli senza avere l'effetto arancio.
    Ciao a tutte, ciao Vera.

    RispondiElimina
  19. Ciao Elisa, già, l'hennè è davvero fantastico, migliora la qualità dei capelli in modo evidente.
    Peccato che avendo di base i capelli biondi, l'hennè mi faccia diventare rosso fuoco! :(
    Alle castane invece dona quei fantastici riflessi mogano...

    RispondiElimina
  20. Ciao Vera sn Annalisa ank'io sn nuova di qui! ti volevo ringraziare per qst consigli ke mi hanno finalmente decisa a provare l'henne. io sn bruna cn riflessi ramati di natura spero di accentuarli! p.s. mi hanno consigliato di miscelare all'henne l'aceto anzichè il limone andrà lo stesso bene???

    RispondiElimina
  21. Ciao Annalisa! Funzionerà alla grande, vedrai. ;-)
    E' la stessa cosa se metti l'aceto, tranquilla!
    In bocca al lupo! :)

    RispondiElimina
  22. Ciao!!
    L'ho provato anche io!!!
    La mia erborista aveva quello di Aboca in 3 tonalità (oltre quello neutro e l'alternativa nera), io volevo partire con quello più chiaro (anche perchè essendo castana non temevo l'effetto "carota" che lei mi aveva prospettato come possibile) ma mi ha consigliato quello medio visto che non lo avevo mai provato..bè, ha tinto un sacco!!anche lei mi ha detto di miscelare con l'aceto (e non ho aggiunto altro, visto che ho i capelli tendenti al grasso)..il colore è proprio BELLO!! e più li lavo più lo trovo bello! scaricando cambia tonalità, con la luce cambia tonalità e sembra davvero molto naturale, nulla a che vedere con le tinte chimiche con le quali per anni in passato ho torurato capelli e fegato!! non li tingo più da 4 anni circa..dopo una rasata totale decisi di volerli naturali..è stato molto bello ritrovare il mio colore che neanche ricordavo più ma ultimamente mi era venuta voglia di cambiare un po', evitando il taglio visto che li sto facendo crescere, dopo aver letto il tuo post ho deciso di provare con l'henné e ne sono davvero felice, anche perchè li ho trovati straordinariamente più spessi e rinforzati (i miei capelli sono davvero SOTTILISSIMI, tipo che devo stare attenta anche quando accendo il fornello perchè pur stando a distanza con quel poco di calore si bruciano, ahimé!)..si è accorto dell' "ispessimento" anche il mio compagno..e con questo ho detto tutto, visto che notoriamente gli uomini non è che abbondino di queste attenzioni!!!
    Lo rifarò presto, magari provando quello più chiaro! ;)
    Baci Vera e ancora una volta grazie dei tuoi preziosissimi consigli!!
    .manu.

    RispondiElimina
  23. Ciao Manu, non ho ben presente le altre tonalità di henné aboca, ho usato solo quello biondo di questa marca, peraltro trovandomi molto bene.
    Concordo sulla bellezza del colore, la differenza rispetto alle tinte è abissale, si ottiene un colore molto naturale anche se ovviamente resta il problema della ricrescita, in caso quello di base sia molto diverso dal ramato.
    Il vantaggio in termini di rafforzamento è anch'esso enorme, vedrai che con le successive applicazioni andrà sempre meglio. :)

    Ciao!

    RispondiElimina
  24. per i colori Aboca, se dovessero interessare a qualcuno: c'è appunto il biondo-rame; il medio (quello che ho usato io) che è sul mogano e lo scuro che dovrebbe essere castano con riflessi rossi..
    Ciao!
    .manu.

    RispondiElimina
  25. Il colore è molto bello però se prima sembravano i capelli di una ragazza dopo non so se per la combinazione del riccio più il taglio alle spalle mi sembrano i capelli di una quarantenne...senza offesa..
    il rosso è bello solo quando è naturale..è difficilissimo avere un rosso artificiale che risulti fine e credibile..
    a me poi non piace nemmeno quell'effetto capello grosso e duro che fa l'henne...

    RispondiElimina
  26. Secondo me è l'effetto della vestaglia ;-) ed è sempre la vestaglia che falsa molto il colore ottenuto con l'henné, che nulla ha a che vedere con le tinte chimiche ed è assolutamente naturale. :)

    RispondiElimina
  27. Ciao vera sono giulia ed anche io abito a napoli... sarei intenzionata anche io ad usare l'hennè siccome sono molto chiara di carnagione, ho le lentiggini ed i capelli sul castano chiaro con riflessi biondi o rossicci...insomma sembro una rossa...infatti mi chiamano rossa anche se non ho i capelli rossi...ma te dove hai acquistato l'hennè^???? inoltre per essere sicura di avere poi i capelli rossi cosa conviene metterci dentro???

    RispondiElimina
  28. Giulia, l'ho comprato alla bottega del commercio equo a Piazza del Gesù nuovo. Per le istruzioni, clicca sul tag "hennè" presente alla fine del post. :)

    RispondiElimina
  29. Ciao Vera, mi sto convincendo anch'io ad utilizzare l'hennè, ma non so che colore mi uscirebbe. Ho i capelli castano diciamo scuro, e non ho mai utilizzato l'hennè e né altre tinture, ho ancora i miei capelli naturali. Potresti consigliarmi qualche altro ingrediente da aggiungere all'hennè, siccome ho paura di mettere lo yougurt perchè ho i capelli grassi, e cercare di dirmi che colore possa uscire? Grazie! :)
    {Anna.

    RispondiElimina
  30. Se sei castana scuro, probabilmente ti verrà solo qualche riflesso ramato, più evidente al sole. Non credo che il colore dovrebbe cambiarti tantissimo.
    Guarda questo link, forse ti aiuta: http://capellidifata.it/forum/index.php?page=30
    Invece dello yogurt puoi mettere il limone. ;-)

    RispondiElimina
  31. ciao :) ho appena letto questo post.. proprio perchè sto pensando di fare l'hennè.. ma mi spaventa il fatto di avere i capelli con colpi di sole.. non vorrei rovinare tutto .. sono bionda scura (quasi castana chiara) con colpi di sole.. secondo te che effetto darebbe?

    RispondiElimina
  32. Un problema potresti averlo solo se usi un henné non puro, leggi qui per saperne di più. ;-)
    Se usi un henné che sia solo henné non succede niente.
    Comunque sul biondo scuro l'henné prende che è una meraviglia, secondo me diventeresti abbastanza rossa, poi dipende da come prepari la miscela, che ingredienti ci metti, quanto lo tieni, quanto spesso lo fai...
    I miei consigli: fai una prova con una ciocca di capelli o con dei capelli presi dalla spazzola per verificare che non ci siano interazioni con la tinta, e per capire che colore viene fuori; ti consigio di visitare la sezione dedicata all'henné di capelli di fata per saperne di più, è una miniera di informazioni. :)

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmarvi! ^_^