13 gennaio 2007

Assorbenti (parte 2)

Più di un mese è passato dal mio primo post sugli assorbenti di stoffa e le cicliche leggi della natura mi consentono di affrontare nuovamente l'argomento...

Parlerò nel modo più chiaro e diretto possibile, quindi se siete schifiltose/i saltate a pié pari questo post!








E veniamo a noi!

Credo sia fondamentale, affinché comprendiate i miei suggerimenti, descrivervi brevemente il mio ciclo. Sostanzialmente, si divide in due parti: i primi due giorni (ovvero 48 ore) sono caratterizzati da perdite di sangue estremamente abbondanti... non sono sicura di poterlo definire un "ciclo emorragico", ma ci siamo quasi. Supponiamo che mi vengano le mestruazioni a mezzanotte... alle 6 del mattino inizio ad entrare nella fase più intensa delle perdite, arrivando nell'arco di 24 ore a cambiare 6 assorbenti Lines seta ultra lungo con ali; mentre di notte usavo i Lines seta ultra notte con ali. Vi racconto tutto questo perché vi facciate un'idea dell'assorbenza che mi è necessaria, e possiate regolarvi sulle esigenze del vostro ciclo...
La seconda fase del mio ciclo è praticamente inesistente. Diciamo che tra le 48 e le 60 ore dall'inizio del ciclo, le perdite inspiegabilmente cominciano a scomparire e mi posso accontentare di cambiare in un giorno solo 4 assorbenti Lines seta con ali (non quelli lunghi).

Insomma, per farla breve, mentre i giorni finali delle mestruazioni non mi danno alcun tipo di problema, in quelli iniziali ho sempre la sensazione di sgocciolare o "perdere" come un rubinetto; l'immagine mentale che mi accompagna più di frequente è quella di un fiume che rompe gli argini mentre la protezione civile, dominando il panico, ammonticchia sacchi di sabbia a formare una rudimentale muraglia.

Dopo queste scabrose, ma credo doverose, precisazioni, veniamo al sodo.
Ho comprato i miei assorbenti di stoffa sul sito New Baby. Ho preso un kit completo di 11 pezzi, che sarebbe quello in alto, più un kit "regular" formato da tre pezzi.
Non sono sicura che le foto siano chiarissime: il kit è formato da alcune tasche impermeabili nelle quali si infila un rettangolo di flanella ripiegato; mentre gli altri hanno proprio la forma sagomata di un classico assorbente. Ebbene, appena ho provato il mio kit (quello da 11 pezzi) mi sono accorta di aver commesso un grave errore: ho comprato 11 assorbenti senza ali. Inutile dire il macello che succede con un ciclo come il mio...
Pertando sto utilizzando i due tipi di assorbente in abbinamento: quello sagomato con ali sopra (che mi protegge dalle perdite esterne), e quello ripiegato di flanella sotto (per evitare macchie sugli slip). Così mi trovo molto bene.
Il problema è che avendo solo 3 assorbenti sagomati, mi bastano a stento per i primi due giorni, che sono quelli più tragici... dovrò fare presto un nuovo ordine! Comunque sia, sappiate che non è necessario comprare il kit da 11 pezzi: se avete un ciclo molto abbondante potete semplicemente sovrapporre due assorbenti "sagomati" ed avere la sicurezza totale che non vi macchierete (ho provato anche questa combinazione).
Se dovessi fare il mio primo ordine adesso, credo che comprerei un kit notte (tre di questi assorbenti sono senz'altro sufficienti) e due o tre kit regular, lasciando perdere del tutto il kit da 11 pezzi (essendo privo di ali mi risulta inutile ).

Adesso, stabilite le necessità di assorbenza, passiamo ad un altro genere di considerazioni.
Prima di tutto, la vestibilità. Questi assorbenti non sono sottilissimi, ma a me non danno fastidio, li indosso senza problemi con i jeans senza sentirmi a disagio.
Per quanto riguarda il "comfort", non mi irritano, neanche quando il ciclo sta per terminare e le perdite non sono così abbondanti... situazione che in precedenza, coi lines, si rivelava problematica.
Praticità... Un piccolo neo è dato dal fatto che, non avendo strisce adesive sotto e chiudendosi esclusivamente al centro con un bottone a pressione, questo assorbente può tendere a girarsi e spostarsi. Vi consiglio di posizionarlo bene e usare slip elasticizzati che "stringano" un po'... con questo accorgimento l'allarme, personalmente, è rientrato.
Non ho ancora avuto modo di usarli fuori casa, ma credo che quando succederà, semplicemente, portereò con me assorbenti puliti e un sacchetto di plastica per quelli sporchi (magari non trasparente!).
Efficienza: assorbono bene; usando strati sufficienti non ci si macchia; non irritano; non danno una sensazione di bagnato, e vanno cambiati meno spesso di quelli usa e getta (secondo la mia esperienza). Direi che tre cambi al giorno nei primi due giorni del ciclo mi sono stati sufficienti (ovviamente escludendo la notte); i cambi scendono a due nei giorni successivi.

E con questo, credo di aver esaurito l'argomento. Sono soddisfatta dell'acquisto (un po' meno della frettolosità con cui l'ho concluso: non aver riflettuto sulla drammaticità della mancanza di ali è stato un grosso errore!), il passo successivo potrebbe essere realizzare gli assorbenti in casa, e l'ipotesi di un tentativo non è del tutto esclusa! Ricordatevi di lavare i vostri assorbenti con un sapone ecologico: io ho comprato con questo scopo il Marsiglia di casa gaia. Se subito dopo esservi cambiate li immergete in acqua calda e sapone, pretrattando a mano, lavarli in lavatrice sarà molto facile.

Se avete domande da porre, riflessioni o altro... fatevi avanti.

11 commenti:

  1. Ciao! Hai detto di lavarli in acqua calda e sapone. Ma ho sempre saputo che il sangue con l'acqua calda di "cuoce" poi eliminarlo diventa quasi impossibile. Rimangono macchie o tornano bianchi con appena comprati?

    RispondiElimina
  2. Mia madre è del tuo stesso parere, ma io ho sempre saputo che è l'acqua fredda a fissare il sangue sui tessuti, facendolo coagulare.
    Nell'acqua tiepida invece mi va via facilmente, anche dagli slip.

    Comunque tutti gli assorbenti che ho lavato a mano e poi in lavatrice sono risultati poi perfettamente puliti. :)

    RispondiElimina
  3. ciao Vera!
    Sai che mi era sfuggito il tuo post sugli assorbenti?!
    Trovo sia molto interessante, e potrebbe essere un'alternativa a quelli "industriali" che mi fanno venire SEMPRE l'irritazione da quelle parti!!!
    Io intanto sono molto contenta perché è ormai da 4 giorni che mangio in modo assolutamente VEGAN!!!
    Sto approfittando della settimana di digiuno che stanno facendo i miei (oggi è l'ultimo giorno) per adottare il tipo di alimentazione che voglio, senza che loro abbiano qualcosa da ridire!
    Così, ogni pasto inizia con un frutto, poi una bella porzione di verdura cruda (alternanza di insalate varie, peperoni gialli e carote) e poi un piatto preparato dalla sottoscritta senza carne, né pesca, né latticini né uova. Oggi ad esempio ho fatto il seitan con la panna, seguendo la ricetta del tuo sito. Buono, anche se la panna mi si è asciugata inspiegabilmente!!! Vabbè..
    Ieri invece ho fatto il tofu alla pizzaiola seguendo il libro di ricette che ho regalato a mia mamma per Natale: è uscito davvero benissimo!
    Se ci ripenso :P
    Stasera non so cosa farò...devo pensarci ancora!
    Buon weekend!

    RispondiElimina
  4. Ciao eleonora!
    Era un po' che non passavi da queste parti... ;)

    Se hai qualche domanda sugli assorbenti, chiedi pure; ho cercato di essere esauriente il più possibile. ^^
    Complimenti per i tuoi progressi vegan... mi pare di capire che tu abbia dei genitori dalla mente molto aperta!
    Buon fine settimana anche a te! ^^

    RispondiElimina
  5. Ciao! Ma come mai l'alternativa "di stoffa"? Perchè quelli industriali vi provocano irritazione oppure anche per altri motivi? io mi trovo bene con i lines,a parte che il mio ciclo, quando si decide ad arrivare, non è affatto abbondante..
    x Eleonora: se sei una neo-vegan,occhio! perchè non va bene mangiare ogni giorno seitan e tofu! ;)

    RispondiElimina
  6. Ciao vale!
    Personalmente, mi sono decisa ad acquistare quelli di stoffa per le irritazioni... ho sempre provato un certo fastidio con gli assorbenti tradizionali e negli ultimi tempi si era fatto insopportabile.

    Ma ho anche altri motivi per evitare gli assorbenti usa-e-getta... insiti nel loro stesso nome: comprare un prodotto che dopo il primo utilizzo va gettato via?
    No grazie, non mi sta bene...
    Ho provato a cambiare e mi sono trovata bene (anche se, confesso, non me l'aspettavo!). :P

    Considera che oltre ai problemi di smaltimento (gli assorbenti sono composti anche di "plastica") ci sono dei problemi di risorse: la polpa di legno con cui viene realizzato lo strato assorbente, per esempio.

    ^^ ecco tutto!

    RispondiElimina
  7. Capito ;) Mi informerò!
    Ah prima non ti ho fatto i complimenti per il blog!ottima fonte di ricette!

    RispondiElimina
  8. Beh, grazie vale!
    Non solo per i complimenti, ma anche perché mi hai offerto lo spunto per documentarmi meglio... sto cercando delle fonti sulle informazioni che ho esposto sopra. ;)
    Quindi presto ci saranno altre notizie!

    RispondiElimina
  9. X Vale:ovviamente non mangio solo tofu e seitan, ma anche pasta, riso, torte salate,ecc.
    Don't worry! ;)
    Io sono interessata agli assorbenti di stoffa per lo stesso motivo di Vera: quelli di plastica mi provocano irritazione,

    RispondiElimina
  10. scritto un paio di post su alcuni asssorbenti reperibili alla COOP: si chiamano VIvicot, ci sono anche i salvaslip. Pacchetto giallo-crema, scritta vered in corsivo. Secondeo me sono buonissimi.

    Sono tutti di cotone, anche se non biologico, è un primo passo, anche se in realtà anche ai tempi delle nonne...

    Anche il prezzo è ok: poco più cari di quelli del marchio Coop, molto meno dei vari plasticono Lines etc.

    RispondiElimina
  11. Pardon per tutti gli errori di digitazione...

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmarvi! ^_^