25 luglio 2007

Presto-fatto al cacao

C'era una volta la torta cioccococcolatosa.
Era così buona, ma così buona, che un giorno si trasformò in una torta caprese!
Inutile dire che così era più buona di prima, era addirittura buoniZZima.

Ed essendo una torta incommensurabilmente buona, nonché l'unica e sola torta vegan che io riesca a far lievitare... è diventata la mia torta presto - fatto: ci vuole poco tempo, e mi riesce sempre benissimo, in tutte le varianti; diventa alta così.
Invece, ricette quasi identiche a questa si rivelano un flop: il meccanismo resta per me un mistero assoluto...

Ingredienti: 250 g di farina, una bustina di lievito per dolci o mezza di cremor tartaro (leggete le dosi sulla bustina), 6 cucchiai di cacao, 250 g di zucchero di canna, 50 g di margarina fusa (biologica), 5 cucchiai di olio di mais, latte vegetale per allungare.
Riscaldate il forno a 180°. Foderate una tortiera del diametro di 24 cm con carta da forno inumidita e strizzata.
Setacciate in una terrina la farina, il lievito, il cacao, lo zucchero. Aggiungete la margarina e l'olio di mais; mescolate bene, sbattendo con una frusta (a mano o elettrica), e versando latte per diluire l'impasto, se necessario. Stendete nella teglia e cuocetelo per circa 40 minuti.

Deve essere una torta magica: sono stata capace di farla a occhio, a mezzanotte, per l'incontro delle capellone di domenica. Iris, Penny, la vostra opinione spassionata?

12 commenti:

  1. La Sola Torta Possibile per Vera!

    RispondiElimina
  2. Oh che peccato, mi si è rotto il forno, e dalle mie parti non è in vendita la farinà, nè il cacao nè lo zucchero....

    Posso assaggiareeeeeee??? :))

    Scherzi a parte, come setacci lo zucchero? Lo rendi "a velo" col robot prima? In effetti uno dei (tanti) miei problemi coi dolci è che negli impasti rimangono i granelloni di zucchero, senza sciogliersi!

    Oh ribasisco l'assaggio :D

    RispondiElimina
  3. mmm... oltre che la "farinà" non vendono nemmeno la farina normale, sia chiaro! ;)

    RispondiElimina
  4. LOL ^-^

    Non lo rendo a velo, però lo setaccio come la farina per spezzare almeno i grumi! E' utile anche scioglierlo nella parte liquida della torta, e anche sbattere il tutto con la frusta sembra che giovi... eventualmente si può spezzettare grossolanamente col frullatore!

    Per l'assaggio... alla prossima occasione, no?

    RispondiElimina
  5. cioccolatinonero31 agosto, 2007 23:59

    Vera ha scritto: ...una bustina di lievito per dolci o mezza di cremor tartaro (leggete le dosi sulla bustina)

    La bustina di lievito per dolci dice che la dose è per 500 gr. di farina, quindi ce ne metto mezza??
    La torta è in forno, e io ho fatto così, speriamo che non venga un mattone.. :-((

    RispondiElimina
  6. Sì, dovrebbe andare bene, cioccolatino nero!

    Fammi sapere! ;-)

    RispondiElimina
  7. Ciao Vera ho fatto questo meraviglioso super dolce velocissimo e mi è piaciuto moltissimo...ho solo sostituito la margarina con l'olio di mais... gnam gnam...

    ciao ciao Marta

    RispondiElimina
  8. :)
    Sì, viene buona anche con l'olio, ma la consistenza cambia un po', viene meno friabile. ^^

    RispondiElimina
  9. Ciao!
    Ho conosciuto il tuo blog attraverso scts e quando cerco ispirazione culinaria sbircio sempre i tuoi post o parto alla ricerca di idee dai siti che tu consigli.

    Ho preparato con successo la tua "presto-fatto", probabilmente la prima torta che inforno senza uova, e il risultato è stato ottimo: l'abbiamo mangiata in tre e non è rimasta per il giorno dopo!

    Grazie per l'impegno che metti e l'entusiasmo che trasmetti nel farci partecipi dei tuoi esperimenti, sia quelli culinari che quelli di vita vegan!

    Buone vacanze e torna al più presto, riposata e carica di idee, perchè leggerti è un piacere!

    Grazie ancora per la torta! :D

    RispondiElimina
  10. Sandra, grazie mille del tuo messaggio, sono le vostre parole che mi danno la forza di andare avanti con tutto l'impegno che posso! :)

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmarvi! ^_^