10 marzo 2010

Cupcakes al doppio cioccolato

Per questa ricetta di ispirazione americana, le dosi sono all'americana, ovvero in tazze e cucchiai... scusatemi, ma non ho preso nota delle conversioni! Tra i vari aggeggi utili in cucina, devo ammettere che le cups hanno il loro perché, proprio in quanto consentono di rifare le ricette d'oltre oceano senza impazzire con le misurazioni. Un vantaggio non da poco, considerando che alcuni dolci, come i cupcakes, sono buonissimi! E d'altronde, con una doppia dose di cioccolato, come resistere?

Ingredienti per circa 50 cupcakes (dimezzate le dosi per un risultato più... umanamente fattibile!):
3 tazze di farina 00
2 tazze di zucchero di canna
2/3 di tazza di cacao in polvere
1 cucchiaino raso di sale
1 cucchiaino raso di cremor tartaro
2 tazze di acqua fredda
1/2 tazza di olio di semi di mais
1/2 cucchiaino di vaniglia in polvere
2 cucchiai di aceto bianco

Riscaldate il forno a 180°.
Mescolate bene gli ingredienti secchi e, a parte, quelli umidi.
Versate i secondi sui primi ed amalgamate. Versate l'impasto ottenuto nei pirottini fino a 3/4 dell'altezza.
Cuocete i cupcakes per 30-45 minuti, finché risulteranno asciutti alla prova stecchino; spegnete il forno e lasciateli raffreddare completamente.


Ingredienti per la copertura:
150 g di latte vegetale a temperatura ambiente
300 g di cioccolato fondente (non troppo amaro)

Potete variare le dosi a piacimento, purché rispettiate il rapporto di 2:1 tra gli ingredienti.
Fate fondere il cioccolato a bagnomaria.
Unite il latte, poco per volta, mescolando energicamente con una frusta finché sarà amalgamato al cioccolato; aggiungete altro latte solo quando il composto risulta perfettamente omogeneo.
Una volta aggiunto tutto il latte, lasciate riposare per almeno mezz'ora e provvedete poi a decorare i cupcakes spalmandoli di glassa.
Completate a piacere con zuccherini, diavolini, piccoli confetti, codette o gocce di cioccolata... insomma, sbizzarritevi!

Ps: sto postando questa ricetta dall'università per gentile concessione del wireless della Sapienza, quindi scusate la brevità, aggiungerò ulteriori dettagli più tardi!

Aggiornamenti al post: ho leggermente rivisto la ricetta della glassa e corretto le dosi dei cupcakes (avevo scritto che ne vengono 25, invece sono il doppio!). Aggiungo anche qualche commento... 
Ho preparato questi dolcetti in fretta e non avendo avuto il tempo di far raffreddare a dovere la glassa ho potuto soltanto spalmarla, ma sappiate che a una temperatura inferiore diventa abbastanza ferma da poter essere spremuta da una siringa per pasticceria ottenendo un effetto di questo tipo.
I miei cupcakes sono riusciti particolarmente bassi e larghi perché avevo a disposizione soltanto dei pirottini di carta leggera; la prossima volta voglio usare stampini piccoli da muffin, credo sia meglio.
Sono buonissimi: dolci ma non stucchevoli, il cacao si sente ma il giusto... insomma da provare e sicuramente anche da rifare!

14 commenti:

  1. Qui http://lapulceincucina.forumer.it/about1150-lapulceincucina.html c'è un bel post sulle conversioni se può interessare!!

    RispondiElimina
  2. http://laverabestia.org
    Vera lo conosci questo sito?
    un bacio e complimenti per i nuovi dolcetti :-)
    Teresa

    RispondiElimina
  3. Stavo proprio cercando un dolcino, che sennò il moroso mi si deprime... e credo proprio di avere tutto in casa! ^_^

    RispondiElimina
  4. OOOOOOOoooooooohhhh *_*
    (sospiro di desiderio con occhi a cuoricino)

    RispondiElimina
  5. ciao sembrano buonissimi li proverò!!!!
    vorrei un piccolo favore sapere cos'è la : cremortartaro e dove lo trovo!!!!
    ti ringrazio x la risp
    xoxo

    RispondiElimina
  6. Vale, grazie del link! :)

    Terry, sì lo conoscevo già, anche se non ci vado mai perché i filmati sono molto crudi...

    Federica, grazie! :)

    Azabel, ricontrolla solo le dosi, perché le avevo scritte male e adesso, nel post, le ho corrette. ^_^

    Anna, quando passi da queste parti te li preparo. ;-)

    Nika, il cremor tartaro è un lievito naturale che uso con molta soddisfazione, puoi trovare qualche informazione in più qui. Lo trovi nei negozi di alimentazione naturale ma anche in alcuni supermercati, se guardi bene. ;-)

    RispondiElimina
  7. sono buonissimiiiiiiiiiiiiiiiii!!! felice di aver attentato al mio secondo giorno di dieta x mangiarli!!! il tutto condito da una bella chiacchierata come non ne facevamo da una vita!!! buoni, buoni, buoni!
    Laura

    RispondiElimina
  8. He he he, vero? ;-)
    Dai, che appena torno giù li rifaccio. ;-)

    RispondiElimina
  9. Mo' ti tocca rifarli come quelli della foto che hai postato ;-) Davvero fantastici! Una curiosità: le codette colorate che usi sono in regola quanto a coloranti? Nessun derivato, vero? Non ho mai controllato...

    RispondiElimina
  10. Yari, purtroppo per aprire la confezione ho dovuto strappare la parte di etichetta con gli ingredienti, quindi non posso controllare in diretta.
    Queste codette sono prodotte da un'azienda stabiese, le ho comprate già qualche volta e avevo controllato che non ci fossero coloranti "crudeli", ma in effetti non mi sono posta il problema se nel frattempo gli ingredienti siano cambiati o meno.
    Ti farò sapere quando sarò di nuovo a casa, mi segnerò le sigle "cattive" e controllerò!

    RispondiElimina
  11. Ps: tutto questo per dire che purtroppo può capitare che gli zuccherini siano colorati con la cocciniglia e simili, quindi sì, bisognerebbe controllare anche queste cose.

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmarvi! ^_^